Iniziative e corsi ACEF

Momenti, ora tutti in diretta web, di incontro e confronto altamente interattivo tra relatori e partecipanti su temi inerenti gli assetti organizzativi aziendali, la sostenibilità, l’organizzazione, la tecnologia e la comunicazione degli studi professionali, con un’attenzione particolare alle persone con cui ogni giorno lavoriamo, al fine di individuare soluzioni operative valorizzando le esperienze del gruppo.

Le piccole realtà rappresentano il motore dell’innovazione del settore musicale nel nostro Paese.

💡 Lunedi 15 luglio alle 17 saremo con gli amici di StaGe! per un appuntamento online in occasione del quale parleremo del Regolamento AGCOM per l’intermediazione del diritto d’autore e dei diritti connessi, delle novità per gli spettacoli dal vivo, della concorrenza sulle piattaforme musicali, degli obblighi per gli organizzatori dei concerti e della musica dal vivo, dello spazio dedicato dal servizio pubblico alle produzioni italiane e di gender gap.

Incontro dedicato al nuovo Regolamento per l’intermediazione del diritto d’autore e dei diritti connessi recentemente approvato dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, a completamento della Direttiva Copyright.

Gli illustri relatori coinvolti condivideranno le loro analisi sull’impatto nei prossimi anni delle nuove disposizioni sull’attività di autori, artisti, interpreti, esecutori, editori, industria musicale, organismi di gestione collettiva, e delle altre figure destinatarie del Regolamento.

L’incontro sarà anche l’occasione per la ripresa delle iniziative in presenza e online che si terranno in settembre dedicate agli operatori e ai professionisti del settore musica e spettacolo.

A quasi 10 anni dall’approvazione della scorsa versione del Codice Deontologico da parte del CNDCEC, al netto di alcuni aggiornamenti apportati negli anni successivi, come noto è stata redatta la nuova revisione del testo anche per tenere conto delle fisiologiche modifiche occorse al contesto sociale nel corso degli anni.

Particolare attenzione è stata rivolta agli aggiornamenti relativi all’equo compenso, alle modalità di promozione dell’attività professionale, all’uso dei social network e all’utilizzo del titolo professionale.

Come noto, i “Principi di attestazione dei Piani di risanamento” predisposti dal CNDCEC costituiscono il documento di riferimento principale per chi si appresta a rilasciare una delle tante tipologie di attestazione previste nell’ambito delle procedure concorsuali.
Pubblicati nel 2014, aggiornati nel 2021, era inevitabile il rilascio di una nuova revisione per recepire le novità introdotte dal Codice della Crisi e dell’Insolvenza (su tutti la disciplina delle crisi di gruppo).

Per portare la giusta attenzione sulle novità di questo importante documento, ACEF propone un confronto a tutto campo sul tema delle attestazioni. Allo scopo di arricchire il dibattito con punti di vista aggiuntivi abbiamo coinvolto Colleghi che non hanno partecipato al gruppo di lavoro che ha aggiornato i Principi.

DISPONIBILE PER LA FRUIZIONE ON DEMAND

Con l’edizione primaverile 2024 del Master ACEF, ci proponiamo di “tornare al pratico”, non per negare l’importanza di un approccio strategico alla professione ma, anzi, per calarlo nella realtà quotidiana valorizzandone le componenti che da sempre rappresentano i temi storici di riferimento del nostro Master: Organizzazione, Tecnologia, Comunicazione e Sostenibilità.

Particolare attenzione verrà attribuita ai temi della gestione del rischio professionale e della “professione sostenibile”, senza dimenticare i nuovi strumenti di supporto per l’attività professionale (robotica, business intelligence, intelligenza artificiale, ecc.), ormai parte integrante dei processi operativi degli studi, che saranno oggetto di specifica trattazione.

Tutti sappiamo che esiste una finanza agevolata, ma non sappiamo come sono articolati i soggetti che la erogano, le fonti e chicome e a quali condizioni, possa accedervi.

Gruppo Del Barba – Cerved Group e Barbieri & Associati con il patrocinio di ACEF – Associazione Culturale Economia e Finanza organizzano e promuovono otto incontri online a partecipazione gratuita della durata di un’ora nel corso dei quali verranno sviluppati e approfonditi il
tema della finanza agevolata a cura di professionisti esperti e consulenti aziendali e quali opportunità disponibili per le imprese.

Incontri gratuiti in streaming

Questo corso, che patrimonializza l’esperienza del primo corso di 8 ore realizzato da ACEF, nasce con l’intento di fornire alle Colleghe e ai Colleghi, compatibilmente con i propri impegni personali e lavorativi, la formazione specialistica necessaria per produrre relazioni di alta qualità.

Prendendo spunto dalla revisione dei Principi di attestazione dei piani di risanamento pubblicata dal CNDCEC, approfondiamo con l’aiuto di professionisti e docenti di primo piano i principali aspetti da considerare per svolgere questa attività.

Il Corso si propone di fornire alle PMI, e ai professionisti che le assistono, la cassetta degli attrezzi per impiantare in un’azienda, anche se di piccole dimensioni, un sistema efficace di gestione della tesoreria. I contenuti verranno sviluppati da Tesorieri d’impresa Certificati con il coordinamento di Relatori ACEF esperti di organizzazione e gestione aziendale, anche in veste di facilitatori per sollecitare il confronto con i partecipanti.

Il Corso, che si articola in due moduli di quattro ore ciascuno, partendo dai principi di base, fornirà concetti e strumenti utili al primo impianto, all’organizzazione, alla pianificazione, e alla gestione della tesoreria aziendale. Verranno così individuate competenze, conoscenze, abilità, attività, e responsabilità tipiche del Tesoriere, tenendo conto che in molte PMI tale funzione non viene rivestita da una figura specifica, ma viene svolta “part-time” da personale amministrativo addetto anche ad altre attività

Programma aggiornato a luglio 2023 alla luce dei Documenti pubblicati dal CNDCEC e dalla FNC Fondazione Nazionale Commercialisti “Assetti organizzativi, amministrativi e contabili: check-list operative” e “Assetti organizzativi, amministrativi e contabili: profili civilistici e aziendalistici”.

Il Corso si rivolge alle Piccole e Medie Imprese, viste sia come entità autonome che come leader o membri di una filiera produttiva, e ai Professionisti che le assistono, per approfondire le tecniche e gli strumenti a disposizione per verificare l’adeguatezza degli assetti aziendali, e quindi del modello di governance, e implementarne le eventuali mancanze.

Il programma è stato aggiornato per tenere conto delle buone prassi e della check-list pubblicate nel mese di luglio 2023 dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti, che vanno a completare quanto già previsto nella check-list della composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impresa e dall’art. 3 del Codice della crisi e dell’insolvenza. Si sta già formando giurisprudenza che consente di comprendere in concreto quali siano i doveri e le responsabilità degli amministratori rispetto agli assetti aziendali che devono essere istituiti e mantenuti.

Il corso si propone di delineare e condividere con i partecipanti un approccio pratico al progetto di implementazione del sistema di gestione ESG che tenga conto delle esigenze e priorità aziendali per la continuità del business, nonché delle opportunità offerte da un’apertura tempestiva a queste tematichequand’anche non obbligatorie, per accreditare le imprese nei confronti dei propri interlocutori strategici, con particolare riferimento al ceto bancario visti i requisiti richiesti dalle linee guida EBA.

Destinatari del corso sono le PMI, indipendentemente dai tempi previsti per l’applicazione obbligatoria della direttiva Comunitaria (CSRD), e i professionisti che le assistono.

Questi ultimi, anche come diretti interessati a mettere a punto e aggiungere al proprio “menu” un servizio strategico a valore aggiunto di ampia prospettiva

Dalla prima edizione del 2007 lo scenario competitivo dei professionisti dell’area economico-giuridica è radicalmente cambiato: tante delle previsioni di evoluzione che nel tempo abbiamo condiviso con i nostri partecipanti si sono avverate, e il processo di cambiamento è ancora in atto, e sempre più veloce, anche a causa degli eventi dirompenti degli ultimi anni.

I contenuti del master si sono evoluti. Non perché abbiamo cambiato idea su cosa serva per gestire bene uno studio, ma perché nel tempo molti concetti di avanguardia si sono consolidati, e sono attualmente da tutti condivisi, mentre altre variabili si sono aggiunte al contesto con il quale i professionisti si devono rapportare, compresa la sostenibilità.

Resta fermo che gli Studi non possono essere gestiti diversamente dalle aziende e devono affrontare gli stessi problemi che, attualmente, affliggono le PMI.

Per questo nella formazione del programma del nuovo Master ACEF – Cose da professionisti abbiamo privilegiato i temi gestionali rispetto a quelli prettamente operativi.

Come commercialisti aziendalisti stiamo cercando, in questo momento, di capire come poter affrontare il tema della sostenibilità per le PMI in modo realmente sostenibile.

Per farlo dialoghiamo con gli imprenditori, così da capirne le reali esigenze, confrontandoci con altri colleghi esperti delle tematiche aziendali, ma soprattutto attenti alle dinamiche e agli equilibri interpersonali. Siamo infatti convinti che si possa creare valore duraturo per l’azienda solo attraverso la realizzazione di una sostenibilità sostenibile.

Con Emanuela Barreri, Dottore Commercialista e Psicologa del lavoro, e Giuseppe Bruni, Founder di Go4Benefit SB, svilupperemo questo tema nel corso di cinque brevi incontri online di un’ora ciascuno, a partecipazione gratuita, dando spazio a pensieri, riflessioni ed esperienze vissute, sia nostre che dei partecipanti, che speriamo di poter coinvolgere in un confronto costruttivo.

La Sostenibilità è diventata un tema sempre più centrale per le Imprese e le Istituzioni finanziarie in tutto il mondo. Il mondo bancario, quindi, è impegnato nella promozione presso le Imprese di pratiche e investimenti sostenibili, a beneficio dell’ambiente e dell’intera Società. Nel contesto, saremo riuniti per studiare come la sostenibilità stia influenzando, con i rating di sostenibilità, i rating bancari, e quali implicazioni questo abbia sui rapporti di filiera per i cosiddetti soggetti obbligati non obbligati dalle normative di sostenibilità. Esamineremo gli strumenti e le metodologie utilizzate dagli Istituti finanziari per valutare le Imprese; esploreremo l’effetto a cascata che queste valutazioni hanno sui rapporti di filiera, e come le Imprese possano rispondere a queste sfide. Contiamo che l’incontro fornisca una panoramica contestualizzata del nuovo rapporto Banca / Impresa e spunti di come le Imprese possono evolvere le proprie prassi e rendersi sempre più sostenibili e resilienti ai cambiamenti.

Il Corso Primo impianto e gestione della tesoreria per professionisti e PMI si propone di fornire alle PMI, e ai professionisti che le assistono, elementi teorici e pratici per la gestione della tesoreria, funzione fondamentale in questo contesto economico complesso e fortemente incerto.

I contenuti verranno sviluppati da tesorieri soci di AITI con il coordinamento di relatori esperti in crisi d’impresa, organizzazione e gestione aziendale, anche in veste di facilitatori per sollecitare il confronto con i professionisti e le PMI della platea virtuale.

Il Corso, che si articola in due moduli di quattro ore ciascuno, partendo dai principi di base, fornirà concetti e strumenti utili al primo impianto, all’organizzazione, alla pianificazione, e alla gestione della tesoreria aziendale.

Verranno così individuate competenze, conoscenze, abilità, attività, e responsabilità tipiche del tesoriere, tenendo conto che in molte PMI tale funzione non viene rivestita da una figura specifica, ma viene svolta “part-time” da personale amministrativo addetto anche ad altre attività.

Destinatari del corso sono le PMI, indipendentemente dai tempi previsti per l’applicazione obbligatoria della direttiva Comunitaria (CSRD), e i professionisti che le assistono.

Come noto il concordato preventivo è stato collocato all’interno del nuovo Codice della crisi tra gli “strumenti di regolazione della crisi”, e già questa scelta del Legislatore è sufficiente a porre il concordato in diretta competizione con gli altri strumenti previsti.

La grande flessibilità guadagnata dalla procedura va di pari passo con un’accresciuta complessità delle valutazioni da compiere per la costruzione del piano e della proposta concordataria, in particolare per quanto attiene alla composizione delle classi e al trattamento dei flussi finanziari derivanti dalla continuità aziendale.

Ciò non di meno, il concordato preventivo rappresenta un’opportunità da valutare per le imprese in difficoltà, in quanto, a fronte di maggiori spese e di un più incisivo (e continuo) controllo giudiziario, permette interventi più incisivi sull’indebitamento scongiurando la liquidazione giudiziale dell’azienda.

La procedura è cambiata, e, come conseguenza, ogni abitudine o intimo convincimento, per quanto consolidati, vanno messi in discussione e rimeditati.

Traendo spunto dal programma sintetico del webinar “Sostenibilità: tutti ne parlano … ma vediamo insieme cosa fare!!” proposto da Barbieri & Associati il 31 gennaio 2023 nell’ambito dell’iniziativa “Associati per Associati” di Confindustria Emilia Area Centro, il corso si propone di delineare e condividere con i partecipanti un approccio pratico al progetto di implementazione del sistema di gestione ESG che tenga conto delle esigenze e priorità aziendali per la continuità del business, nonché delle opportunità offerte da un’apertura tempestiva a queste tematiche, quand’anche non obbligatorie, per accreditare le imprese nei confronti dei propri interlocutori strategici, con particolare riferimento al ceto bancario visti i requisiti richiesti dalle linee guida EBA.

Destinatari del corso sono le PMI, indipendentemente dai tempi previsti per l’applicazione obbligatoria della direttiva Comunitaria (CSRD), e i professionisti che le assistono.

Dopo l’esperienza maturata nel 2022, presentiamo un ciclo di tre nuovi incontri di approfondimento dedicati agli Esperti nella composizione negoziata, per dare spazio a ciò che in 55 ore di formazione di base non è possibile dire e fare, far tesoro delle prime esperienze e mettere in risalto le tre distinte anime dell’Esperto: aziendalista, giurista, e, soprattutto, mediatore.

Giacomo Barbieri porterà l’attenzione dei partecipanti sulla centralità di una chiara ed esplicita strategia ESG in qualunque piano di risanamento, e sulla necessità di adeguamento degli assetti organizzativi, amministrativi e contabili dell’azienda da risanare: si tratta infatti di presupposti senza i quali non avrebbe senso avviare la composizione. Resta ferma l’importanza di portare al centro le tecniche di mediazione e negoziazione, sulle quali l’Esperto è chiamato a lavorare..

“Il curatore adempie ai doveri del proprio ufficio, imposti dalla legge o derivanti dal programma di liquidazione approvato, con la diligenza richiesta dalla natura dell’incarico. Egli deve tenere un registro informatico, consultabile telematicamente, oltre che dal giudice delegato, da ciascuno dei componenti del comitato dei creditori e in cui deve annotare giorno per giorno le operazioni relative alla sua amministrazione. Mensilmente il curatore firma digitalmente il registro e vi appone la marca temporale, …” Nel sentire comune di chi si occupa di procedure concorsuali, si tende a minimizzare la portata dei cambiamenti intervenuti tra il vecchio fallimento e la nuova liquidazione giudiziale, riducendo tutto – o quasi – alla nuova denominazione politically correct. Tuttavia, con pochi colpi di penna, come quelli inseriti all’art. 136 del ccii, si può incidere profondamente sull’attività quotidiana del curatore e mettere in discussione la relazione tra gli organi della procedura. La procedura è cambiata, e, come conseguenza, ogni abitudine o intimo convincimento, per quanto consolidati, vanno messi in discussione e rimeditati.
Con il patrocinio dell’Associazione dei Curatori e dei CTU del Tribunale di Bologna. Il curatore svolge un ruolo di primo piano nel fornire al P.M. elementi utili allo svolgimento delle indagini penali connesse alle procedure concorsuali. Se correttamente impostati e adeguatamente documentati, il contenuto delle sommarie informazioni rese dal curatore nei primi 30 giorni dalla nomina, quanto scritto nella relazione particolareggiata o in specifiche informative/esposti alla Procura facilitano e velocizzano la corretta formulazione dei capi di imputazione. Nel corso della procedura, e fino al suo epilogo, possono emergere ulteriori elementi decisivi per l’esito del processo penale. Anche se valuta di non costituirsi come parte civile, il curatore di regola viene chiamato come testimone particolarmente qualificato.
Il progetto formativo “MASTER ACEF – Cose da professionisti” compie 15 anni! Dalla prima edizione del 2007 lo scenario competitivo dei professionisti dell’area economico-giuridica è radicalmente cambiato: tante delle previsioni di evoluzione che nel tempo abbiamo condiviso con i nostri partecipanti si sono avverate, e il processo di cambiamento è ancora in atto, e sempre più veloce, anche a causa degli eventi dirompenti degli ultimi anni. Anche i contenuti del master si sono evoluti. Non perché abbiamo cambiato idea su cosa serva per gestire bene uno studio, ma perché nel tempo molti concetti di avanguardia si sono consolidati, e sono attualmente da tutti condivisi, mentre altre variabili si sono aggiunte al contesto con il quale i professionisti si devono rapportare, compresa la sostenibilità. Resta fermo che gli Studi non possono essere gestiti diversamente dalle aziende e devono affrontare gli stessi problemi che, attualmente, affliggono le PMI. Per questo nella formazione del programma del nuovo Master ACEF – Cose da professionisti abbiamo privilegiato i temi gestionali rispetto a quelli prettamente operativi.

L’idea alla base di questo nuovo percorso di approfondimento proposto da ACEF è di “imparare lavorando”. Con l’aiuto di docenti di primo piano prenderemo confidenza con i principi pubblicati dal CNDCEC a maggio 2022, dopodiché affronteremo, incontro dopo incontro, un caso realistico con sessioni di role-playing.
Simuleremo le fasi di costruzione del piano partendo dall’incontro con il cliente e i professionisti storici, la definizione dell’incarico e del gruppo di lavoro, l’analisi del quadro di partenza e delle possibili linee di azione, valutando il percorso migliore per costruire consenso sull’ipotesi di risanamento.

Riproponiamo la formula interattiva già collaudata con gli Incontri di approfondimento per Esperti nella composizione negoziata, ponendoci in naturale continuità con il corso sui Principi di attestazione dei piani di risanamento e con il corso di 55 ore per la formazione di base dell’Esperto negoziatore.

Quando parliamo di sostenibilità pensiamo subito all’Ambiente, che in questa travagliata stagione di guerre e pandemie ha segnato il punto di non ritorno.

In questo Corso porteremo primariamente al centro l’Uomo, il Sociale, e il Suo fare, l’Impresa, economica, responsabile; non dimenticando come lo stato delle cose stia declinando pragmatismo proponendo il temuto rallentamento nel raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030.

L’iniziativa è rivolta alle imprese e ai professionisti che le assistono, per avviare un percorso di avvicinamento alle disposizioni che dovrebbero entrare in vigore a fine 2022.

Crediamo che riportare testualmente e tra virgolette la lettera agli stakeholders dell’imprenditore Giorgio Buzzi, amministratore delegato del Gruppo Lucefin, a introduzione del report integrato sulla sostenibilità del Gruppo conosciuto in occasione di una delle interviste di ACEF ai “Protagonisti della ripresa”, rappresenti la migliore presentazione dei temi che, con questa iniziativa, desideriamo condividere con imprese e professionisti lungimiranti:

“L’idea di industria sostenibile nasce dalla volontà di staccarsi dal convenzionale concetto di Green Economy per spingersi verso un più profondo cambiamento di metodo, mentalità, programmazione, relazioni e interazioni. Cambiamento inteso come evoluzione, in cui lo spirito di collaborazione, coesione e coinvolgimento di tutte le risorse interne ed esterne all’azienda possa diventare il vero punto di forza; il cuore pulsante della spinta dinamica indispensabile al conseguimento di prestigiosi e sostenibili traguardi. Questo è ‘Together we change’ il marchio che esprime la nostra voglia di raccontare, nero su bianco in un sintetico documento, la visione di un’impresa moderna e di come questa intenda creare valore nei prossimi anni e nel futuro in generale; mantenendo però un occhio di riguardo al mondo che la circonda, con l’ambizione di poter contribuire, in modo tangibile e concreto, a costruire un futuro migliore per le prossime generazioni. Potrebbe sembrare troppo, forse, ma io ci credo. Credo che questo percorso ci darà risultati e soddisfazioni e credo fermamente nell’impegno di tutti per costruire un Gruppo migliore: il GRUPPO LUCEFIN solido, motivato, ispirato, NOSTRO. Credo che insieme a VOI tutto questo sia davvero possibile.”

La mancata gestione dei conflitti interni (sommersi, potenziali o conclamati) genera un impatto molto negativo sul clima aziendale, sui prodotti e servizi offerti dalle aziende private e sui servizi a carico delle organizzazioni pubbliche, generando disagi e danni, con conseguente impatto anche in termini economici.

Portando sul nostro palco virtuale Negoziatori Aziendali, Counselor e professionisti aziendalisti cercheremo di individuare, anche alla luce delle esperienze estere, le soluzioni applicabili per gestire al meglio i conflitti intra-organizzativi in ambito aziendale.

La giustizia ordinaria risente da anni il gravissimo problema di accumulo del contenzioso. Infatti, al 30 giugno 2021, le cause civili in attesa di una definizione erano 3.106.623 (Fonte: Ministero della giustizia – Direzione generale di statistica e analisi organizzativa).
La media di durata dei procedimenti civili, cioè il tempo trascorso tra l’iscrizione del ricorso in cancelleria e la definizione, nel 2021 è stato di 1.289 giorni (Fonte: “Corte suprema di cassazione – Relazione sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2021”), a fronte ad una media europea di circa il 60% in meno.

L’utilizzo in azienda di tecniche di mediazione e negoziazione, possibilmente a cura di professionisti esperti nella materia, rappresenta una strategia concreta per prevenire e gestire il contenzioso con clienti, fornitori e altri soggetti.

Ne parleremo insieme ad Ana Uzqueda e Cesare Bulgheroni, avvocati e mediatori esperti nella gestione dei conflitti.

La facilitazione aziendale e le tecnicalità economico-giuridico-fiscali aiutano l’imprenditore e i membri della sua famiglia a prendere decisioni razionali in merito alla futura conduzione dell’impresa. L’intervento del Negoziatore Aziendale permette di superare gli ostacoli di natura emotiva e relazionale, per concentrarsi sulle scelte razionali a beneficio dell’impresa e della famiglia.
Il dominus, assistito dai propri professionisti esperti potrà così portare a termine il suo piano.

Purtroppo, nella maggior parte dei casi si arriva alla successione aziendale soltanto con la successione ereditaria, con i conseguenti conflitti tra gli eredi, che spesso finiscono di fronte ai Tribunali.
Queste situazioni provocano danni ingenti agli imprenditori e al sistema economico, anche perché portano a una conseguente perdita di patrimonio aziendale e a una consistente riduzione dell’occupazione.

24 – 31 gennaio, 7 – 14 – 21 – 28 febbraio, 7 marzo 2022

Presentiamo una serie di incontri per dare spazio a ciò che in 55 ore di formazione di base non è possibile dire e fare. Un percorso a frequenza libera e flessibile che accompagnerà l’Esperto in ogni fase dell’incarico con esercizi, simulazioni, interattività e spunti di esperienza per prepararsi meglio a “entrare nel ruolo”.

Con il supporto di formatori specializzati nelle tecniche di mediazione e negoziazione approfondiremo anche gli aspetti relazionali che entrano in gioco nelle varie fasi della composizione negoziata, perché oltre a costituire titolo preferenziale nella nomina, consentono di migliorare competenze molto utili anche in altri contesti professionali.
Proporremo buone prassi di comportamento valorizzando l’esperienza maturata sul campo dai nostri primi corsisti, che stanno già oggi operando come Esperti.

ON DEMAND

Il D.L. 118 del 24 agosto 2021 e il successivo decreto dirigenziale del 28/9/2021 disciplinano il nuovo istituto di composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impresa, introducendo nel nostro ordinamento la nuova figura dell’Esperto nominato per agevolare le trattative tra l’imprenditore, i creditori ed eventuali altri soggetti interessati. L’obiettivo è individuare una soluzione per il superamento delle condizioni di squilibrio patrimoniale o economico-finanziario che ne rendono probabile la crisi o l’insolvenza, anche mediante il trasferimento dell’azienda o di rami di essa. La delicatezza del ruolo di Esperto impone, quale requisito per l’iscrizione nell’apposito nuovo elenco in corso di formazione, un percorso di 55 ore minuziosamente disciplinato dal Ministero di Giustizia nei contenuti e nella qualificazione dei docenti.

Questo corso, che patrimonializza l’esperienza del primo corso abilitante per esperti nella composizione negoziata realizzato da ACEF nel periodo 22 ottobre – 11 novembre 2021, nasce con l’intento di fornire alle Colleghe e ai Colleghi, compatibilmente con i propri impegni personali e lavorativi ed a costi contenuti, la formazione specialistica necessaria per ottenere l’iscrizione all’apposito elenco entro il 16 maggio 2022, data oltre la quale l’aggiornamento dei dati comunicati dagli Ordini professionali territoriali alla CCIAA avverrà con cadenza annuale.

2 e 9 dicembre 2021

Il secondo comma dell’art. 2086 del Codice Civile, come introdotto dal D.Lgs 12 gennaio 2019 n. 14 (Codice della Crisi e dell’Insolvenza), stabilisce che “L’imprenditore, che operi in forma societaria o collettiva, HA IL DOVERE e di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile ADEGUATO alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale”.

OBIETTIVO DEL CORSO, che si rivolge alle Piccole e Medie Imprese, viste sia come entità autonome che come leader o membri di una filiera produttiva, e ai Professionisti che le assistono, è quello di approfondire le tecniche e gli strumenti a disposizione per verificare l’adeguatezza degli assetti aziendali, e quindi del modello di governance, e implementarne le mancanze, nel contesto complesso e fortemente incerto generato dalla lunga emergenza sanitaria.

23 novembre 2021

PMI – Produttori Musicali Indipendenti, partner della Milano Music Week 2021, presenta un workshop dal titolo “Attuazione della Direttiva Copyright 790/2019: gli effetti a breve e lungo termine sull’industria musicale italiana e gli aspetti tributari sotto il profilo internazionale”, un doppio incontro dedicato a professionisti e appassionati del settore.

Il recepimento della Direttiva Copyright in Italia avrà effetti importanti sull’industria discografica del nostro Paese, permettendo alle etichette discografiche di essere maggiormente garantite nei confronti di coloro che utilizzeranno i contenuti musicali sulle piattaforme online. Non sono però escluse responsabilità anche per le etichette stesse in merito alla trasparenza e alla rendicontazione nei confronti degli Artisti. 
Quale sarà quindi, in futuro, il panorama che si troveranno davanti etichette discografiche e Artisti rispetto all’utilizzazione ad ampio spettro della loro musica e cosa aspettarsi sotto il profilo economico? Ne parleremo con importanti esponenti del settore durante il workshop promosso da PMI.

22 novembre 2021

L’adeguatezza degli assetti organizzativi, amministrativi e contabili rappresenta una condizione sine qua non per la tenuta delle filiere produttive e dei rapporti di fornitura più importanti, oltre che un requisito per la continuità della singola azienda.

Tra le scelte strategiche delle imprese, incluse evidentemente quelle musicali e teatrali, deve essere messa così in conto un’attività di verifica e di costante monitoraggio dell’adeguatezza degli assetti gestionali, svolta quando possibile a cura di risorse interne, o diversamente da professionisti appositamente incaricati.

I temi sopra indicati saranno esaminati anche nelle loro implicazioni giuridiche per quanto concerne l’ambito e l’estensione degli assetti adeguati, nonché per il regime di responsabilità a essi collegati. La specificità delle imprese musicali e teatrali implicherà inoltre una disamina del ruolo assunto dalla gestione dei diritti degli artisti interpreti ed esecutori per quanto concerne la definizione degli assetti adeguati, anche alla luce della Direttiva UE 2019/790 in materia di diritto d’autore nel mercato unico digitale.

18 – 25 novembre 2021

Parlare oggi di “organizzazione degli Studi professionali” piuttosto che semplicemente di “organizzazione”, o ancor meglio di “governance”, ci sembra una forma garbata per indicare in modo distintivo il modello organizzativo dello studio professionale, in effetti per niente diverso da quello dell’azienda.
Alla base di un modello organizzativo sostenibile deve esserci una visione condivisa che alimenti strategie compatibili, quindi declinate in obiettivi coerenti.
A base delle strategie deve esserci consapevolezza chiara dei propri punti di forza e delle proprie debolezze, dei rischi (anche in ottica Covid-19)  che caratterizzeranno le scelte strategiche e operative e delle opportunità che potranno essere colte.

22 – 23 – 29 – 30 ottobre 5 – 6 – 10 – 11 novembre 2021

Il D.L. 118 del 24 agosto 2021 e il successivo decreto dirigenziale del 28/9/2021 disciplinano il nuovo istituto di composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impresa, introducendo nel nostro ordinamento la nuova figura dell’Esperto nominato per agevolare le trattative tra l’imprenditore, i creditori ed eventuali altri soggetti interessati. L’obiettivo è individuare una soluzione per il superamento delle condizioni di squilibrio patrimoniale o economico-finanziario che ne rendono probabile la crisi o l’insolvenza, anche mediante il trasferimento dell’azienda o di rami di essa. La delicatezza del ruolo di Esperto impone, quale requisito per l’iscrizione nell’apposito nuovo elenco in corso di formazione, un percorso di 55 ore minuziosamente disciplinato dal Ministero di Giustizia nei contenuti e nella qualificazione dei docenti.

Questo corso nasce con il preciso intento di consentire alle Colleghe e Colleghi di presentarsi alla data del 15 novembre 2021 in regola con la formazione specialistica prevista per chiedere l’iscrizione a detto elenco.

Da molti anni stiamo conducendo in collaborazione con lo Studio Barbieri & Associati Dottori Commercialisti attività di sensibilizzazione sulla sicurezza dei sistemi informatici. Siamo tornati sul tema cybersecurity con le interviste a Stefano Fratepietro e Lisa Dolcini di inizio 2021. Riascoltandole oggi, a pochi mesi di distanza, si capisce come i recenti attacchi fossero ampiamente prevedibili poiché si sono svolti entrambi “come da copione”.

Banda larga, homeworking emergenziale e improvvisato, outsourcing selvaggio verso servizi in cloud sono stati i presupposti per alzare di molto il livello di rischio al quale sono esposte le infrastrutture IT. Le conseguenze? Compromissione dei sistemi, tempi di fermo, perdite di dati, sovraccosti, danni reputazionali e probabili (fondate) richieste di risarcimento.

Serve altro per capire la gravità del problema e l’urgenza di occuparsene seriamente?

14 settembre 2021

Esamineremo insieme in dettaglio, anche alla luce delle linee guida e dei modelli disponibili:

  • le modalità di approccio alle diverse realtà aziendali
  • le fasi del processo di auditing
  • gli strumenti di supporto (check list, report, ecc.)
  • i KPI di riferimento
  • alcuni esempi di software per l’elaborazione dei dati raccolti

il tutto favorendo quanto più possibile l’interazione e il confronto tra docenti e partecipanti, formula che caratterizza da tempo i nostri incontri, anche da remoto.

16 e 23 settembre 2021

La collaborazione di ACEF con INSIGHT CLUB che ha portato a organizzare questo corso nasce con l’intento di offrire risposte semplici a una serie di domande: cos’è in concreto la business intelligence? cosa consentono di fare in più strumenti dedicati come Microsoft Power BI rispetto a un comune foglio di calcolo? a quali bisogni danno risposte? qual è la tipica curva di apprendimento necessaria a ottenere risultati tangibili? è una competenza alla quale sono “naturalmente” portato oppure non fa per me? vale la pena investire tempo nell’acquisirla?

 

INSIGHT CLUB nasce dall’iniziativa di un gruppo di professionisti appassionati di nuove tecnologie, quotidianamente impegnati a risolvere i problemi tipici dei propri Studi e delle PMI che assistono nella transizione al digitale.

15 – 22 – 29 settembre e 6 ottobre 2021
Incontri e Master 13

Le risorse umane sono il motore delle aziende e degli studi professionali: i progetti di ripartenza e sviluppo le vedono protagoniste!

Gli incontri, promossi da ACEF con il contributo di consulenti esperti del mondo HR, si rivolgono a titolari, partner e/o responsabili delle risorse umane di PMI e studi professionali che vogliano riesaminare e adeguare il rapporto con dipendenti e collaboratori alla luce dei cambiamenti in atto, anche in termini di sostenibilità.

8 luglio 2021 
Incontri e Master 14

Progettazione e coordinamento: Alessandra Damiani
Relatori: Domenico Staffieri, Graziano Sabatino

Raccogliendo le richieste di approfondire operativamente i temi trattati durante il corso “Primo impianto e gestione della tesoreria per professionisti e PMI”, abbiamo deciso di realizzare un pomeriggio dedicato esclusivamente ad esercitazioni pratiche, così da poter dare una risposta a quesiti quali “Come impostare un sistema di Tesoreria in una azienda non strutturata? Quale tipo di software utilizzare? Quali dati contabili raccogliere nel sistema? Come integrare le scadenze extracontabili e ricorrenti? Quali sono gli indici più significativi e come rilevarli facilmente?”.

 

6 – 13 – 20 – 27  luglio 2021

Il secondo comma dell’art. 2086 del Codice Civile, come introdotto dal D.Lgs 12 gennaio 2019 n. 14 (Codice della Crisi e dell’Insolvenza), stabilisce che “L’imprenditore, che operi in forma societaria o collettiva, HA IL DOVERE e di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile ADEGUATO alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale”.

OBIETTIVO DEL CORSO, che si rivolge alle Piccole e Medie Imprese, viste sia come entità autonome che come leader o membri di una filiera produttiva, e ai Professionisti che le assistono, è quello di approfondire le tecniche e gli strumenti a disposizione per verificare l’adeguatezza degli assetti aziendali, e quindi del modello di governance, e implementarne le mancanze, nel contesto complesso e fortemente incerto generato dalla lunga emergenza sanitaria.

9 – 17 – 24 giugno e 1° luglio 2021

Il corso Primo impianto e gestione della tesoreria per professionisti e PMI, promosso e realizzato da ACEF – Associazione Culturale Economia e Finanza in collaborazione con AITI – Associazione Italiana Tesorieri d’Impresa si propone di fornire alle PMI e ai professionisti che le assistono, elementi teorici e pratici per la gestione della tesoreria nel contesto economico complesso e fortemente incerto, oggi legato anche all’emergenza sanitaria.
I contenuti verranno sviluppati da tesorieri soci di AITI e da relatori di ACEF esperti in crisi d’impresa, organizzazione e gestione aziendale, anche in veste di facilitatori per sollecitare il confronto con i professionisti e le PMI della platea virtuale.
Il corso, che si articola in quattro moduli di due ore ciascuno, partendo dai principi di base, fornirà concetti e strumenti utili alla pianificazione, al primo impianto, all’organizzazione e alla gestione della tesoreria aziendale.
Verranno così individuate competenze, conoscenze, abilità, attività, e responsabilità tipiche del tesoriere, figura che nell’ambito delle PMI deve spesso dividersi tra gestione della tesoreria e altre diverse attività.

Ogni modulo del corso comprenderà una parte teorica e una tecnico – pratica, laddove possibile con riferimenti a casi aziendali.

26 maggio 2021 dalle 16:00 alle 18:00

Obiettivo dell’incontro è fare il punto sulle tecniche e gli strumenti a disposizione per verificare l’adeguatezza degli assetti aziendali, e quindi del modello di governance, e implementarne le mancanze, nel contesto complesso e fortemente incerto generato dalla lunga emergenza sanitaria.

A chi si rivolge

A Imprenditori, CFO, Responsabili e Addetti amministrativi di Piccole e Medie Imprese che desiderano affrontare concretamente il tema dell’adeguatezza organizzativi, degli assetti amministrativi e contabili a supporto della continuità del business e per la prevenzione della crisi d’Impresa.

A Professionisti e Consulenti che affiancano le Piccole e Medie Imprese per il miglioramento della governance e della gestione aziendale.

25 maggio 2021 dalle 15:00 alle 18:00

Lo sperato ritorno alla normalità dopo oltre un anno di pandemia e crisi economico-sociale obbliga le Aziende e i Professionisti che le assistono
a non farsi trovare impreparati. Tra le sfide per noi “medici delle Imprese” si impone l’affiancamento alle Aziende, anche alla luce della prossima entrata in vigore del CCI, che privilegiando ipotesi di salvaguardia del lavoro e dei patrimoni industriali e aziendali ai fallimenti, apre all’esercizio provvisorio quale valido strumento.

5 – 11 – 19 – 26 maggio 2021 dalle 15:00 alle 17:00

FINANZA AGEVOLATA COME STRUMENTO DI CRESCITA PER LE IMPRESE
Nozioni e casi studio su Transizione 4.0 e altri incentivi indispensabili per lo sviluppo delle aziende.

Il corso si propone di fornire elementi utili a comprendere il funzionamento e l’applicazione delle principali agevolazioni fiscali e contributi pubblici nell’ambito di ricerca e sviluppo, investimenti in beni strumentali, formazione del personale e piani di sviluppo per startup.

22 – 29 aprile e 6 -13 maggio 2021 dalle 15:00 alle 17:00

La collaborazione di ACEF con INSIGHT CLUB che ha portato a organizzare questo corso nasce con l’intento di offrire risposte semplici a una serie di domande: cos’è in concreto la business intelligence? cosa consentono di fare in più strumenti dedicati come Microsoft Power BI rispetto a un comune foglio di calcolo? a quali bisogni danno risposte? qual è la tipica curva di apprendimento necessaria a ottenere risultati tangibili? è una competenza alla quale sono “naturalmente” portato oppure non fa per me? vale la pena investire tempo nell’acquisirla?

 

INSIGHT CLUB nasce dall’iniziativa di un gruppo di professionisti appassionati di nuove tecnologie, quotidianamente impegnati a risolvere i problemi tipici dei propri Studi e delle PMI che assistono nella transizione al digitale.

13 – 20 – 27 aprile e 4 maggio 2021 dalle 16:30 alle 18:30

Da quando i giudizi di attestazione sono stati introdotti nel nostro ordinamento gli standard qualitativi richiesti al professionista attestatore sono molto cambiati, fino ad assumere i connotati di una vera e propria area di specializzazione.
Produrre attestazioni di qualità impeccabile richiede innanzi tutto la conoscenza delle migliori prassi professionali, che si possono assumere come stato dell’arte. I tempi ristretti tipici dei contesti di crisi aziendale impongono anche la capacità di pianificare correttamente quelli di esecuzione dell’incarico e la stima delle risorse professionali da destinare, in un complesso connubio di “presto e bene”.
Dobbiamo purtroppo immaginare che i prossimi mesi richiederanno un ricorso crescente a ogni genere di procedure di risanamento, e sarà conseguentemente importante per un ampio numero di professionisti farsi trovare preparati e ben organizzati per reggerne l’urto senza divenire il collo di bottiglia delle procedure.

Prendendo spunto dalla fresca revisione dei Principi di attestazione dei piani di risanamento, pubblicata dal CNDCEC a gennaio 2021, approfondiremo con l’aiuto di docenti di primo piano i principali aspetti da considerare per produrre relazioni di alta qualità.

8 aprile 2021 dalle 15:00 alle 18:00

Il Covid – 19 ha condizionato e condizionerà la vita delle Imprese nostre Clienti e i nostri Studi.
L’elaborato realizzato dal Gruppo di lavoro insediato presso i nostri CNDCEC e FNC in tema di Società tra professionisti, strumento di auspicato rilancio degli Studi, analizza le problematiche sollevate dalla categoria, in questi anni di applicazione della normativa istitutiva delle
STP, delimitandone i limiti quali ad esempio il regime fiscale, la mancanza di privilegio sui crediti professionali, le modalità di remunerazione dei Soci professionisti, la duplicazione del contributo di solidarietà per le prestazioni ottenute dalle STP da parte dei Soci e o da Collaboratori iscritti all’Ordine, portando all’attenzione del Legislatore ipotesi di loro superamento.

Avvalendoci della disponibilità del collega dell’Ordine di Pistoia dott. Andrea Bonechi, Consigliere nazionale all’epoca di introduzione delle STP nel nostro ordinamento, commenteremo le risultanze del documento, prendendone spunto per un confronto aperto sulle principali leve di funzionamento e successo degli Studi professionali.

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

Accreditato dal CNDCEC per la FPC del Dottore Commercialista e dell’Esperto Contabile, consente la maturazione di un credito formativo per ogni ora di partecipazione.

26 marzo 2021 dalle 14:30 alle 18:30

Incontri e Master 15

Progettazione e coordinamento: Alessandra Damiani
Relatori: Domenico Staffieri, Graziano Sabatino

Raccogliendo le richieste di approfondire operativamente i temi trattati durante il corso “Primo impianto e gestione della tesoreria per professionisti e PMI”, abbiamo deciso di realizzare un pomeriggio dedicato esclusivamente ad esercitazioni pratiche, così da poter dare una risposta a quesiti quali “Come impostare un sistema di Tesoreria in una azienda non strutturata? Quale tipo di software utilizzare? Quali dati contabili raccogliere nel sistema? Come integrare le scadenze extracontabili e ricorrenti? Quali sono gli indici più significativi e come rilevarli facilmente?”.

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

Accreditato dal CNDCEC per la FPC del Dottore Commercialista e dell’Esperto Contabile, consente la maturazione di un credito formativo per ogni ora di partecipazione.

CREA IL TUO FUTURO

Secondo webinar di presentazione del progetto
5 marzo 2021

“Crea il tuo futuro” è il progetto frutto della collaborazione tra la società Consulenza Valore Studio Srl, lo Studio Barbieri & Associati Dottori Commercialisti  e la collegata Società Investimenti Direzione Servizi e Consulenza Srl.

Obiettivo comune è proporre un modello di posizionamento e crescita degli Studi professionali frutto delle complementari esperienze maturate nella gestione, pianificazione e controllo economico – organizzativo delle strutture.

cruscotto

25 febbraio 2021 dalle 15:00 alle 18:00

L’intento del legislatore con la modifica all’art. 2086 del codice civile è stato lungimirante, ma capire come tradurlo in azioni concrete non è cosa semplice e, dobbiamo rimarcarlo, non è una questione da giuristi.

Proponiamo un incontro strettamente dedicato all’approfondimento degli aspetti aziendalistici della riforma, coinvolgendo a questo scopo docenti dell’Università di Bologna esperti di materie aziendali, professionisti che svolgono funzioni di controllo e revisione e che si occupano di continuità aziendale e crisi di impresa.

20 – 27 gennaio e 3 -10 febbraio 2021

Il corso Primo impianto e gestione della tesoreria per professionisti e PMI, promosso e realizzato da ACEF – Associazione Culturale Economia e Finanza in collaborazione con AITI – Associazione Italiana Tesorieri d’Impresa con il patrocinio di Confindustria Emilia Area Centro, si propone di fornire alle PMI e ai professionisti che le assistono, elementi teorici e pratici per la gestione della tesoreria nel contesto economico complesso e fortemente incerto, oggi legato anche all’emergenza sanitaria.
I contenuti verranno sviluppati da tesorieri soci di AITI e da relatori di ACEF esperti in crisi d’impresa, organizzazione e gestione aziendale, anche in veste di facilitatori per sollecitare il confronto con i professionisti e le PMI della platea virtuale.
Il corso, che si articola in quattro moduli di due ore ciascuno, partendo dai principi di base, fornirà concetti e strumenti utili alla pianificazione, al primo impianto, all’organizzazione e alla gestione della tesoreria aziendale.
Verranno così individuate competenze, conoscenze, abilità, attività, e responsabilità tipiche del tesoriere, figura che nell’ambito delle PMI deve spesso dividersi tra gestione della tesoreria e altre diverse attività.

Ogni modulo del corso comprenderà una parte teorica e una tecnico – pratica, laddove possibile con riferimenti a casi aziendali.

Corso accreditato dal CNDCEC ai fini della FPC del Dottore Commercialista e dell’Esperto Contabile.

WEBINAR ACEF “COSE DA PROFESSIONISTI”

I Webinar ACEF “Cose da Professionisti” 2020 nascono per supportare gli Studi nel processo di riposizionamento e riorganizzazione in un momento, come questo, di perdurante incertezza e oggettiva difficoltà, ma anche di convinta ricerca di un diverso modo di essere professionisti.
webinar “Cose da Professionisti” scaturiscono dall’esperienza degli Incontri e dei Master ACEF intorno ai quali, negli anni, si è creata una community di professionisti. Con loro periodicamente ci confrontiamo e ci aggiorniamo sui temi a noi cari dell’OrganizzazioneTecnologia e Comunicazione, e lo faremo anche in questa occasione con il contributo straordinario di Bettina Di Nardo, coach e consulente HR e Giovanni Luigi Salsi, HR Manager e specialista in relazioni sindacali, per i temi connessi alla gestione delle persone e di Giorgio e Jacopo Miurin, consulenti  in ambito organizzativo, gestionale e commerciale per Studi professionali e Aziende, per i temi connessi al governo dello Studio. Gli argomenti che abbiamo selezionato sono una risposta alle richieste di approfondimento degli oltre 400 professionisti che hanno partecipato alla nostra precedente iniziativa “Professionisti What’s Next – Nel presente il futuro delle professioni”.

La formula è esclusiva: una videoconferenza dove tutti possono intervenirecondividere le proprie esperienze e scambiare opinioni sia con i relatori che con gli altri partecipanti.

next

Il contesto di questi mesi suggerisce ai Professionisti di riorganizzare e riposizionare i propri Studi per garantirne la continuità.

Ad ogni incontro si confronteranno tutti i relatori coinvolti nel progetto: ciascuno porterà la propria esperienza sul tema trattato nella giornata, al fine di individuare, illustrare e suggerire soluzioni e best practice.

Il contributo coordinato delle diverse sensibilità dei relatori consentirà ai partecipanti di avere una rappresentazione organica su sostenibilità, strategia, organizzazione, tecnologia e comunicazione per gli Studi professionali.

Ai coordinatori delle giornate del progetto “Professionisti what’s next?” è affidato il compito di introdurre i temi e di trarre le conclusioni e i rilanci.

Incontro Gratuito in diretta web – SECONDA EDIZIONE – 9 aprile 2020

Incontro Gratuito in diretta web – 3 aprile 2020

STUDI PROFESSIONALI: ORGANIZZAZIONE,
TECNOLOGIA, COMUNICAZIONE E SPIRITO DI
SQUADRA PER GESTIRE L’EMERGENZA CORONAVIRUS E PROGETTARE LA RIPRESA

Incontro ACEF15/03/2019

Incontro ACEF - 15 marzo 2019 - Bologna

fattura elettronica e digitalizzazione ...due mesi dopo
vogliamo parlarne?

28/03/2018 AD
Incontri e Master 16

Bologna - 11 settembre 2018

Come non perdere, anzi fidelizzare i clienti grazie alla digitalizzazione degli adempimenti amministrativo-contabili

Bologna - 18 settembre 2018

Come riorganizzare lo studio per salvaguardare le risorse e creare valore grazie alla digitalizzazione degli adempimenti amministrativo-contabili

Bologna - 25 settembre 2018

Quali tecnologie adottare per gestire al meglio gli adempimenti amministrativo-contabili nello studio digitale

Incontri e Master 17
Incontri e Master 18

Bologna - 9 marzo 2018

Il sistema di controllo qualità nella revisione legale

Bologna - 13 marzo 2018

Come organizzare in modo efficiente ed efficace la gestione degli adempimenti societari e fiscali annuali

Bologna - 22 marzo 2018

Come utilizzare al meglio le tecnologie disponibili per poter operare, sia in studio che in mobilità, in chiave “smart”

Bologna - 28 marzo 2018

Come approfittare dell’appuntamento annuale per la redazione del bilancio per valorizzare e ottimizzare il rapporto con i clienti abituali