Studio Cantarelli - Bologna

Versione StampabileVersione StampabileSegnala ad un amicoSegnala ad un amico

CARLO CANTARELLI

Nato a Bologna il 9 novembre 1956, si è laureato in Economia e commercio presso l’Università degli Studi di Bologna nel 1981 e nello stesso anno ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’abilitazione alla professione di Dottore commercialista.

Nel 1982 si è iscritto all’Albo dei Dottori commercialisti di Bologna al n. 1459 (ora n. 429/A dell’Albo Dottori commercialisti ed Esperti contabili).

Dal 1992 è iscritto all’Albo dei Revisori contabili.

Per il primo decennio di carriera ha maturato un’esperienza come Curatore e Commissario Giudiziale in numerose Procedure assegnategli dalla Sezione fallimentare del Tribunale di Bologna.

Nel 1992, su segnalazione del Tribunale di Bologna, viene nominato dal Ministero delle Finanze, Giudice presso la Commissione Tributaria provinciale di Bologna (all’epoca Commissione di 1° grado) all’interno della quale nel corso degli anni (fino alle dimissioni avvenute nel 2005) matura anche un’esperienza come rappresentante del Sindacato dei Giudici Tributari (CUGIT).

Dal 1995 al 1997 ricopre la carica di Consigliere dell’Ordine dei Dottori commercialisti di Bologna, e nello stesso periodo assume la carica prima di Segretario poi di Presidente provinciale del sindacato dei Dottori commercialisti di Bologna (LADC).

Nel 1995 è tra i promotori della Fondazione dei Dottori commercialisti di Bologna della quale fino al 1999 è componente del Comitato Direttivo con delega ai rapporti con gli Enti Istituzionali.

Dal 2000 è Revisore dei conti della Fondazione Forense Bolognese e dal 2013 è componente della “Commissione accertamento e riscossione” istituita presso l’Ordine dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili di Bologna, con delega particolare alla sezione riscossione.

Tratta particolarmente tematiche legate al contenzioso, alla riscossione, alle composizioni stragiudiziali legate a crisi aziendali ed alle vicende di contenziosi tra eredi.

Ha conoscenza scolastica della lingua inglese e francese e si definisce un discreto “ascoltatore” di musica classica in genere, sinfonica e barocca in particolare.