IN SALA LA II Giornata del Meeting Nazionale ACEF - Clicca qui per una sintesi degli argomenti della I Giornata

La prima giornata del 10° meeting nazionale ACEF “Evoluzione dei servizi professionali della consulenza” ha posto l’attenzione sul ruolo dei professionisti nell’attuale contesto economico – sociale e sull’evoluzione delle realtà professionali alla luce dei forti cambiamenti in atto.

Il professionista che crea valore risulta attualmente l’unico di cui il cliente sente il bisogno: non c’è più posto per burocrati e passacarte dopo una crisi economica che ha sconvolto i vecchi equilibri con prospettiva di non ritorno. Crisi che non ha colpito tutti i settori con la stessa intensità e che non può dirsi altrettanto superata o in fase di superamento in ugual modo per tutti. Crisi che potrà anche ritornare se non verranno imposte e mantenute regole ferree al mondo della finanza, pericolosamente a rischio recidiva.

Il cambiamento si impone, si impone nei rapporti fra imprese e mercato (dove tra l’altro la concorrenza qualitativa dei paesi asiatici è un nuovo quanto inaspettato elemento da considerare), nei rapporti tra professionisti e imprese, e nei rapporti interni alle strutture professionali, i cui modelli organizzativi tradizionali sono a rischio rottamazione.

Si impongono eccellenza, competenza, ma soprattutto organizzazione, intesa come mix ideale di strategie, tecnologie e persone.

La sensibilità degli studi verso le problematiche organizzative sembra finalmente aumentare, ma il cammino da percorrere è ancora lungo e difficile, anche perché non esiste un modello organizzativo ideale applicabile a tutte le realtà esistenti. Dimensione da un lato ed eccellenza dall’altro sembrano i fattori chiave per il successo, ma le problematiche legate alla crescita delle strutture ed all’efficace integrazione dei network non sembrano, per i più, ancora risolte.

La sfida è comunque aperta, e già si riscontrano risultati concreti: la small and medium practices management guide, predisposta per IFAC da professionisti di tutto il mondo riuniti in gruppi di lavoro ad hoc e presentata in anteprima in occasione del meeting, è la prima di una lunga serie di iniziative attualmente in fase di realizzazione a supporto degli studi professionali. Essa rappresenta il primo manuale pratico per la gestione degli studi di piccole e medie dimensioni, dalla nascita fino al passaggio generazionale finale, in un ottica di efficacia, efficienza e sostenibilità, e fornisce oltre che casi pratici di studio anche numerosi strumenti di supporto (check list, modelli, elaborati, ecc.) di immediato utilizzo.

La versione inglese è stata distribuita a tutti i partecipanti del meeting unitamente ad altri documenti IFAC (manuale qualità, linee guida operative, ecc.) di recente pubblicazione. La versione italiana, con i dovuti adeguamenti alla nostra realtà professionale, sarà disponibile entro la fine dell’anno prossimo.