Prenotate il pranzo presso l'Osteria de' Poeti!

Abbiamo il piacere di segnalare a tutti i partecipanti, che in occasione del 10° Meeting ACEF il pranzo si svolgerà presso l'Osteria de' Poeti www.osteriadepoeti.com, caratteristico locale bolognese nelle immediate vicinanze della sede di Unindustria Bologna.

Data l’occasione, lo chef ci ha proposto un menù tipico bolognese, con possibilità di varianti per vegetariani e celiaci.
Il ticket per il pranzo è di 15 euro. 
 
Preghiamo tutti i partecipanti di darci tempestiva conferma della effettiva presenza a pranzo, onde evitare di gravare l’associazione di spese inutili per la copertura dei minimi garantiti.
 
A questo scopo abbiamo predisposto un brevissimo modulo di prenotazione su www.economiaefinanza.org/meeting2010/osteriadepoeti.
Al momento della registrazione in sala, rilasceremo un coupon da consegnare all’Osteria fino a concorrenza dei posti disponibili presso il locale (circa 120).
Anche per questa ragione raccomandiamo la puntualità.

I tempi serrati degli interventi difficilmente consentiranno interruzioni durante i lavori. L’Osteria de’ Poeti metterà a disposizione un punto di ristoro permanente appena fuori dalla sala.

 

L'Osteria Dè Poeti si trova in un Palazzo Sanatorio eretto nel 1400, ubicato nel centro dell'antico borgo della città di Bologna.

Nelle cantine di questo augusto luogo sorse intorno al 1600, per merito dei primi imbottigliatori Bolognesi, un primo banco di mescita del vino denominato "L'Hustari dri dal Ren" (L'Osteria dietro al Reno). Tale appellativo venne conservato sino ai primi del 1900 quando la frequenza assidua di alcuni gruppi di poeti ed artisti (annoveriamo, nel tempo, Giosuè Carducci, Lorenzo Stecchetti, Giovanni Pascoli) portò alla modifica del nomignolo popolare in "Osteria Dè Poeti".

Dopo le necessarie ed opportune ristrutturazioni volte alla salvaguardia di un bene tutelato dalla "Sopraintendenza delle Belle Arti" l'Osteria Dé Poeti si presenta storicamente immutata. Ritroviamo quindi le caratteristiche a volte a vela, il camino del '400, le cantine, il pozzo dell'acqua sorgiva, il banco originale per la vendita al pubblico imposto dal Papato nel '600.

Osteria de' Poeti